logo

Un corso rivolto agli Accompagnatori naturalistici per diventare Guida del Sesia Val Grande UNESCO Global Geopark

Sono aperte le iscrizioni al Corso di Aggiornamento rivolto agli Accompagnatori naturalistici o Guide escursionistiche ambientali abilitate dalla Regione Piemonte, ideato dall’Associazione Sesia Val Grande Geopark in collaborazione con FORMONT e finalizzato a formare le Guide che opereranno all’interno del Sesia Val Grande UNESCO Global Geopark.
Inserito dal 2013 all’interno dell’elenco degli UNESCO Global Geopark, il territorio del Geoparco ha un’estensione di 2.202 km quadrati, un’altitudine che va dai 190 ai 4.554 m/slm della Punta Gnifetti, comprende 4 province piemontesi, 106 comuni per una popolazione complessiva di 190 mila abitanti; dal 2017 la gestione del Sesia Val Grande Geopark è affidata all’Associazione omonima, al Parco Nazionale Val Grande e all’Ente di gestione delle Aree protette della Valle Sesia.
«L’idea di proporre un corso specifico sul Sesia Val Grande UNESCO Global Geopark» sottolinea il Presidente dell’Associazione Edoardo Dellarole «si inserisce nel piano di valorizzazione e fruizione dell’Associazione. Oltre alle attività di carattere scientifico, infatti, abbiamo progressivamente incrementato le iniziative finalizzate alla divulgazione e promozione turistica del Geoparco e dei territori ad esso collegati».
«Tuttavia» prosegue Dellarole «il Sesia Val Grande UNESCO Global Geopark, essendo una realtà molto complessa da comunicare al pubblico di non addetti ai lavori, abbiamo riscontrato l’esigenza di fornire agli Accompagnatori naturalistici alcuni strumenti di approfondimento conoscitivo e sulle modalità di divulgazione di questo straordinario patrimonio».
Il corso sarà riconosciuto come aggiornamento professionale rivolto agli Accompagnatori naturalistici abilitati e quindi valido ai fini dell’adempimento dell’obbligo formativo previsto dalla normativa regionale; oltre all’attestato di frequenza dell’aggiornamento, gli allievi conseguiranno anche la certificazione di “Guida del Sesia Val Grande UNESCO Global Geopark”, rilasciata dall’Associazione stessa.
Per completezza di informazione, si precisa che il rilascio del titolo ufficiale ed esclusivo di “Guida del Sesia Val Grande UNESCO Global Geopark” non comporta l’instaurarsi di alcun rapporto di lavoro subordinato con l’Associazione, ma sarà valido ai fini dell’inserimento nell’ elenco di collaboratori di cui l’Associazione si potrà avvalere per l’organizzazione di escursioni guidate, per la gestione di progetti didattici e di altre iniziative promosse dal Geoparco. Il corso si svolgerà tra febbraio e marzo del 2019 presso il Centro Operativo Valsesia di FORMONT e alle lezioni teoriche verranno abbinate alcune escursioni all’interno del territorio.
Il programma prevede il coinvolgimento di docenti di grande levatura, tra cui Silvano Sinigoi, professore all'Università di Trieste e tra gli “scopritori” del Supervulcano della Valsesia, Marco Giardino e Michele Freppaz, professori dell’Università degli Studi di Torino, Filippo Camerlenghi, divulgatore scientifico.
Ai partecipanti verranno forniti materiali cartografici e altri materiali didattici relativi al corso e utili per lo svolgimento delle attività in campo. I requisiti di partecipazione al corso sono il possesso dell’abilitazione da Accompagnatore naturalistico o Guida escursionistica ambientale della Regione Piemonte; sono considerate acquisite le conoscenze geologiche di base previste dal programma di abilitazione della Regione Piemonte.

INFORMAZIONI E ISCRIZIONI
FORMONT Valsesia
P.zza G.Calderini 10 – 13019 Varallo (VC)
Tel. 0163 564420 – E-mail: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Foto: Ilaria Selvaggio
0
0
0
s2smodern
powered by social2s

8a Conferenza mondiale dei Geoparchi UNESCO

Madonna di Campiglio e le Dolomiti del Brenta hanno fatto da cornice all'8a Conferenza internazionale dei Geoparchi mondiali UNESCO, dall'8 al 14 settembre 2018, dedicata a “Geoparchi e sviluppo sostenibile”.

I geoparchi sono aree riconosciute dall’UNESCO per lo straordinario patrimonio geologico di cui promuovono la conservazione e per la valorizzazione dei loro territori nell’ottica di promuoverne lo sviluppo sostenibile. Il motto dei geoparchi è “Celebrare il patrimonio del Pianeta, sostenere le comunità locali” e i temi trattati in questa conferenza mondiale riguardavano turismo e sviluppo sostenibile, educazione, comunicazione, cambiamento climatico e rischio geologico, oltre alle presentazioni degli aspiranti geoparchi.
L'evento, nel territorio del Geoparco Adamello Brenta, è stato presieduto da Nikolas Zouros presidente della Rete Globale dei Geoparchi e ha visto la presenza di 850 delegati, 1000 partecipanti di tutti i continenti, 64 nazioni, 411 contributi scientifici.
Il Sesia Val Grande Geopark - presente con Tullio Bagnati e Ilaria Selvaggio, direttore e guida del Geoparco, e Marco Giardino professore di Geomorfologia all'Università di Torino – ha ricevuto ufficialmente la pergamena della sua prima rivalidazione per il periodo 2018 – 2021. In questa occasione 13 sono i geoparchi entrati nella rete globale.
Una mostra, che diventerà itinerante, dedicata al patrimonio immateriale dei Geoparchi “Stone made object” ha accompagnato la Conferenza e come testimonianza del nostro territorio sono state esposte piastrelle del marmo artificiale di Rima e un vecchio frammento del Duomo di Milano, in marmo di Candoglia.
La Conferenza è però stata per molti partecipanti anche l’occasione per conoscere il nostro territorio e così: dall'8 al 10 settembre un gruppo di australiani, indonesiani e russi, accompagnati anche da Silvano Sinigoi, è salito fino al Passo dei Salati e Istituto Scientifico Mosso per poi visitare il S. Monte e l'area del supervulcano a Prato Sesia; domenica 16 un vulcanologo statunitense e scienzato emerito del Servizio Geologico degli Stati Uniti (USGS) dopo Cannobio e Verbania ha visitato l'area del Supervulcano; martedì 18 una delegazione norvegese, che sta operando per istituire un nuovo geoparco in Norvegia, ha visitato a Vogogna in Val Grande la sede del Geoparco e poi in Valsesia l'area del geosito di Prato Sesia e l'Infopoint concludendo il giro alla Torre delle Castelle di Gattinara.
Indubbiamente risultati importanti per la nostra realtà che riesce a portare sul territorio studiosi da tutti il mondo e sarà al centro della conferenza europea dei Geoparchi UNESCO nel 2021.
0
0
0
s2smodern
powered by social2s

PRATO SESIA: INFO POINT SUPERVULCANO INAUGURAZIONE MOSTRA DI ANGELA BADINO

PRATO SESIA: INFO POINT SUPERVULCANO INAUGURAZIONE MOSTRA DI ANGELA BADINO

Verde Fenera: rappresentazioni grafiche di alcune specie botaniche del monte protetto

L'Associazione Sesia Val Grande Geopark il 27, 28 e 29 luglio, presso l'Infopoint del Supervulcano a Prato Sesia, ha proposto un'interessante mostra: “Verde Fenera. Rappresentazioni grafiche di alcune specie botaniche del monte protetto”, opere grafiche eseguite da Angela Badino artista e botanica vercellese, che è stata insegnante ed attualmente vive in Spagna. Angela Badino l’anno scorso aveva esposto in Biblioteca a Varallo: “L’anima degli alberi”, che aveva avuto un grande successo, “bissato” a Madrid.
Dopo una introduzione di Alice Freschi e di Piera Mazzone, Angela Badino ha ringraziato l’Associazione Sesia Val Grande Geopark, che le ha permesso di allestire la mostra, e in particolare la vice presidente dell’Associazione, Marinella Merlo, Ilaria, Alice, Piera, e il pubblico presente, che annoverava ben due botanici, il varallese Gianfranco Rotti ed il vercellese Adriano Soldano, raccontando come è arrivata a questa forma di dialogo ravvicinato con la natura: “Alla fine degli anni Ottanta, con il botanico vercellese Adriano Soldano, effettuammo un censimento botanico al monte Fenera, basandoci e confrontandoci anche su studi precedentemente condotti dal Biroli, dal Carestia e da Mario Soster. Nell’area sedimentaria del monte furono censite circa quattrocento specie vascolari, tra le quali pochi elementi esotici ed emersero ben cinque specie mai segnalate in provincia di Vercelli e diverse altre inedite per la Valsesia. La ricerca fu pubblicata sulla Rivista Piemontese di Storia Naturale, nel numero 10 del 1989. Fu proprio in quell’epoca che cominciai, quasi per gioco, a disegnare alcune delle piante che osservavo e da lì nacque la mia passione per il disegno botanico. Dal semplice disegno a china passai al puntinato ad inchiostro, cui è stato aggiunto colore ad acquerello o a pastello per una rivisitazione più personalizzata”.
Ogni specie è accompagnata da una scheda con qualche essenziale informazione botanica ed una citazione letteraria, creando così un ponte tra il mondo scientifico e quello umanistico. Brevi note sull’origine del nome, stuzzicano l’interesse del visitatore che si trova di fronte a delle rielaborazioni artistiche del reale, che vanno al di là del disegno botanico vero e proprio, riservato agli Atlanti o alle pubblicazioni scientifiche: è un modo per avvicinare le persone al magico mondo della botanica, e soprattutto alle meraviglie della Natura.

Piera Mazzone
0
0
0
s2smodern
powered by social2s

Dal 27 al 29 luglio 2018, Mostra dedicata alle piante del Monte Fenera nei disegni di Angela Badino

L'Associazione Sesia val Grande Geopark propone alla fine di luglio 2018 un'interessante mostra “Verde Fenera. Rappresentazioni grafiche di alcune specie botaniche del monte protetto” con opere eseguite da Angela Badino artista e studiosa che ha adottato una particolare tecnica nell'esecuzione di disegni di piante. L'artista, originaria di Chivasso, è laureata in Scienze Naturali all’Ateneo di Torino ed ha svolto attività di insegnante dal 1982 al 2007 in Italia e dal 2007 al 2016 nei licei italiani all’estero, per cui vive da alcuni anni tra Italia e Spagna.
La mostra, presso l'Infopoint del Supervulcano a Prato Sesia, permetterà di vedere alcune rappresentazioni di alberi, arbusti ed erbacee del Fenera con l’intento di suscitare nei visitatori interesse e curiosità, poiché nell’area sedimentaria del Monte Fenera sono state censite circa 400 specie di piante vascolari, con una presenza limitata di elementi esotici. La tecnica di base utilizzata per realizzare i disegni che vengono esposti è il puntinato ad inchiostro, cui è stato aggiunto colore ad acquerello o a pastello per una rivisitazione più personalizzata da parte dell’autrice. Ogni specie è accompagnata da una scheda con qualche essenziale informazione botanica ed una citazione letteraria, creando così un ponte tra il mondo scientifico e quello umanistico.
Attenta alle problematiche ambientali e soprattutto interessata allo studio del territorio, Angela Badino è volontaria dell’Associazione “Reforesta”, ha collaborato con il Dipartimento di Biologia vegetale dell’Università di Torino, con la Regione Piemonte e con la Provincia di Vercelli per la revisione di erbari, per censimenti floristici in aree protette e di rilevanza naturalistica, per la docenza in corsi per guardie ecologiche volontarie. È coautrice di numerose pubblicazioni di carattere botanico tra cui “Alberi ed arbusti del Parco Lame del Sesia”, “Le Rive rosse biellesi”, “L’Abbazia di sant’Andrea, arte-storia-botanica”, “La flora del Monte Fenera”. Suoi molti articoli relativi al verde cittadino, alla vegetazione di montagna ed agli ambienti naturali, scritti per giornali locali, bollettini sezionali, riviste divulgative e specialistiche. Relatrice in conferenze e corsi di aggiornamento, è stata docente di botanica ed ecologia all’Università Popolare di Vercelli. Attualmente, su iniziativa della Università Complutense di Madrid, sta curando la versione italiana di guide ed audioguide per alcuni Musei della capitale spagnola. Appassionata di disegno, è autodidatta ed ha esposto in Italia e Spagna.

L'inaugurazione della mostra si terrà il venerdì 27 luglio 2018 alle ore 18 e l'Artista verrà presentata dalla dott. Piera Mazzone direttore della Biblioteca Civica Farinone Centa di Varallo che già aveva ospitato una sua mostra di quadri, dedicata al mondo delle piante e alla loro anima. Seguirà un rinfresco.
L'esposizione continuerà nei giorni di sabato 28 (ore 10-18.30) e domenica 29 (ore 10-13 e 15-18.30) nei locali dell'Infopoint presso il Centro Commerciale Allafonte, via Valsesia 10, Prato Sesia.
Per informazioni: 340 3486552, This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. o www.supervulcano.it.
0
0
0
s2smodern
powered by social2s

Sabato 12 maggio 2018, GHEMME - Filari di vite sui terrazzi fluviali

Sabato 12 maggio 2018, GHEMME - Filari di vite sui terrazzi fluviali

Ore 15.30: Visita alla Cantina Torraccia del Piantavigna e alla vigna Ronco dell'Olivo
Ore 17.45: Conferenza del Prof. Silvano Sinigoi, scopritore del Supervulcano: "Il Supervulcano del Sesia"

Seguirà un aperitivo offerto da Casa Francoli
RITROVO: Casa Francoli - Via Romagnano 69/B - Ghemme (NO)
Sono gradite le prenotazioni al 340 348 6552 / This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
0
0
0
s2smodern
powered by social2s

Un Geoparco da scoprire

 

Segnalazione delle attività proposte dalla cooperativa AllaFonte per il Parco Supervulcano del Sesia.

0
0
0
s2smodern
powered by social2s

Geoparco al Taste Alto Piemonte

Sesia Val Grande Unesco Global Geopark al TASTE ALTO PIEMONTE.
La prima manifestazione sul territorio dedicata alle eccellenze vitivinicole.
Novara 1-2 aprile.

0
0
0
s2smodern
powered by social2s

Inaugurazione Mostra Fotografica

Sesia Val Grande Geopark.
Arte, cultura e natura del geoparco più alto d’Europa

30 fotografie a soggetti diversi per un viaggio di conoscenza attraverso i territori e le emergenze geoambientali e culturali del Sesia Val Grande Global Geopark UNESCO.

0
0
0
s2smodern
powered by social2s

Buon Compleanno Parco

 

Buon compleanno Parco...con la rivista 'Meridiani Montagne'!

25 anni fa veniva istitiuito il Parco Nazionale Val Grande: due appuntamenti per festeggiare

0
0
0
s2smodern
powered by social2s

Oggi in mostra... Ermanno Zamboni

Info Point di Prato Sesia (centro commerciale Alla Fonte, via Valsesia 10)
venerdì 29 gennaio 2016, ore 18.00

Ermanno Zamboni

La mostra verrà presentata da Piera Mazzone, direttore della Biblioteca Civica Farinone Centa di Varallo
L’esposizione continuerà sabato 30 e domenica 31 gennaio, dalle 10.00 alle 18.30

0
0
0
s2smodern
powered by social2s

24 ottobre 2015: Settimana Pianeta Terra

Il Parco Nazionale Val Grande organizza, nel Castello di Vogogna alle ore 16.30, un seminario-degustazione sulla viticoltura nei territori del geoparco e la caratterizzazione pedologica dei suoli, nell’ambito dell’Anno Internazionale dei suoli dell’ONU e della Settimana del Pianeta Terra dal Sesia Val Grande Geopark, in occasione della Rassegna Montagne & Dintorni.

Scarica qui la locandina dell'evento

0
0
0
s2smodern
powered by social2s

Rosa…azzurro…verde!

Rosa…azzurro…verde! Eco-staffetta tra i siti LTER dal Monte Rosa al Lago Maggiore

È passato anche dal sesia Valgrande Geopark l'iniziativa della Rete LTER Italy "Rosa…azzurro…verde! Eco-staffetta tra i siti LTER dal Monte Rosa al Lago Maggiore", dove alcuni ricercatori italiani, impegnati nelle Ricerche Ecologiche di Lungo Termine su ecosistemi (Rete LTER-Italia) e sulla biodiversità (LifeWatch), hanno percorso assieme ai cittadini un itinerario di divulgazione scientifica.

 

È stato l'ultimo di tre cammini patrocinati dal Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) e realizzati fra giugno e agosto 2015: prima del "Cammino Rosa" sono stati percorsi “Mesothalassia: ciclo-staffetta ecologica dalle dune del Molise al Golfo di Napoli”, “Sugli Appennini Centrali dal Velino al Gran Sasso, l’avventura della biodiversità

Più informazioni su www.lteritalia.it/it/cammini/rosa

0
0
0
s2smodern
powered by social2s

26-27 ottobre 2018 MOSTRA D’ARTE “ALTEREGO” di Andrea Agliaudi all'Infopoint di Prato Sesia

Venerdì 26 ottobre 2018 alle ore 18, presso l'Infopoint del Supervulcano, continuando la tradizione delle mostre di fine mese che danno spazio ad autori del territorio del Geoparco e alle opere artistiche da loro realizzate, sarà inaugurata la mostra Alterego. Opere scelte di Andrea Agliaudi, una rassegna dedicata alle opere del giovane artista di Postua, scomparso solo l’anno scorso. L’esposizione, voluta e organizzata dai familiari e dagli amici di Andrea, raccoglierà molte opere tra cui sculture, disegni digitali e dipinti rappresentativi della sua vastissima produzione. La presentazione della mostra sarà a cura di Piera Mazzone, direttrice della Bibilioteca Farinone – Centa di Varallo, che illustrerà l'opera, purtroppo interrotta, del giovane Andrea che – come ha scritto la critica d'arte Beatrice Resmini “ha la capacità di sfruttare al meglio le tecniche che nel corso della propria vita ha imparato a usare, da autodidatta e sperimentatore quale è, per realizzare opere che esprimano appieno la propria potenza creativa. La computer grafica non è che l’ultimo approdo della sua ricerca: il disegno, la scultura, la fotografia, tutto è stato utilizzato da Andrea per creare arte. Di ogni strumento egli ha saputo riconoscere la specifica qualità espressiva ed utilizzarla per trasmettere di volta in volta il proprio pensiero.”
Durante la mostra sarà possibile acquistare un catalogo a colori che contiene una più ampia selezione di opere, da quelle giovanili alle più recenti.
La mostra all'Infopoint del Supervulcano del Sesia, presso il centro commerciale AllaFonte in via Valsesia 10 a Prato Sesia, dopo l'inaugurazione venerdì 26 ottobre alle ore 18 resterà aperta sabato 27 ottobre dalle 10 alle 18.30 e domenica 28 ottobre ore 10 – 12.30 e 15 – 18.30.
0
0
0
s2smodern
powered by social2s

Museo del granito rosa - Baveno - Passeggiate storiche e geologiche 2018

Museo del granito rosa - Baveno - Passeggiate storiche e geologiche 2018

1-Il granito incontra l’arte
MUSEO GRANUM + ESCURSIONE IN BATTELLO + MUSEO DEL PAESAGGIO DI VERBANIA
Venerdì 15 06/07 - 20/07 - 10/08
2-Pietre al tramonto
MUSEO + CAVE DI GRANITO ROSA
Venerdì 16.30 13/07 - 24/08
3-Storie di pietra
MUSEO + CENTRO CITTADINO + VILLA DELLA CASA (esterno)
Venerdì 16.30 27/07
4-Il sentiero dei Picasass
MUSEO + ESCURSIONE + MUSEO ALL’APERTO “PICASASS”
Venerdì 15.00 03/08
0
0
0
s2smodern
powered by social2s

1-2 giugno: In bici fra i siti UNESCO dalla Valsesia al Monferrato

1-2 giugno: In bici fra i siti UNESCO dalla Valsesia al Monferrato

Un percorso in bicicletta per connettere i siti Unesco attraverso percorsi lenti, perché siano visti in un sistema integrato in un'ottica di sostenibilità: lo ha organizzato la Commissione Nazionale Italiana per l'UNESCO, insieme al Politecnico di Milano (Dipartimento di Architettura e Studi Urbani) e all'Osservatorio E-scapes.
Il gruppo di ciclisti partirà dalla stazione ferroviaria di Vercelli risalendo il fiume Sesia fino a Varallo e passando per il Geoparco Sesia val Grande. Nei giorni successivi i ciclisti attraverseranno la pianura del Po e delle risaie fino alle aree riserva MAB della collina torinese e al Monferrato.

L’evento fa parte iniziative del Festival dello Sviluppo Sostenibile erappresenta l’occasione per visitare i siti e conoscere più da vicino il loro legame con i territori e le comunità locali e il loro contributo al perseguimento degli obiettivo dell’Agenda 2030.
Lungo il percorso cicloturistico di natura didattica, studenti e professori incontreranno autorità e responsabili dei siti Unesco per discutere della promozione di forme di turismo culturale lento e sostenibile, di cui questa iniziativa vuole essere un modello da replicare in collaborazione con le autorità regionali.

Per saperne di più:
http://festivalsvilupposostenibile.it/2018/cal/228/dalla-val-sesia-al-monferrato-in-bici-tra-i-siti-unesco#.Ww-7vO6FPIU
0
0
0
s2smodern
powered by social2s

RENDEZ-VOUZ 2200

Spettacolo gratuito nell'ambito del progetto LIFE WOLFALPS con l'obiettivo di realizzare azioni coordinate per la conservazione a lungo termine della popolazione alpina di lupo.

0
0
0
s2smodern
powered by social2s

Incontro Greenways

“Greenways ed escursionismo come fattori di sviluppo per le aree protette e il territorio”

0
0
0
s2smodern
powered by social2s

Incontri di Febbraio

Presso l'Info Point di Prato Sesia (c/o Cooperativa Alla Fonte), l'associazione Supervulcano Valsesia organizza una serie di eventi e incontri per il mese di febbraio:

Venerdì 5 Febbraio alle ore 18.00
Ne parliamo venerdì...
Edoardo Dellarole, presidente del nostro geoparco
Geoparchi Mondiali Unesco. Un’occasione per promuovere il territorio del Sesia Val Grande Geopark.
Segue aperitivo.

0
0
0
s2smodern
powered by social2s

Il Sesia Val Grande Geopark è ufficialmente sito UNESCO!

Lo scorso 17 novembre 2015, durante la 38a Conferenza Generale dell’UNESCO, i 195 Stati membri  hanno ratificato la creazione di una nuova designazione ufficiale, l’UNESCO Global Geoparks. Ciò esprime il riconoscimento dei governi mondiali sull'importanza di gestire in modo condiviso e moderno i siti geologici e paesaggistici.

Questo nuovo marchio formalizza una relazione con i Geoparchi stabilitasi nel 2001. Da allora, i Geoparchi attraverso la rete globale sono cresciuti fino a includere 120 territori in tutto il mondo. Essi sono diventati uno strumento sempre più importante per l'UNESCO per coinvolgere gli Stati membri e le loro comunità nella tutela e valorizzazione del patrimonio geologico e nello sviluppo sostenibile dei territori. Tutti i 120 geoparchi al mondo sotto l’egida dell’UNESCO stessa, sono stati riconosciuti con effetto immediato all’interno del nuovo programma prioritario, al pari del Patrimonio mondiale dell’Umanità, delle Riserve della Biosfera, e del Patrimonio Immateriale. Quindi anche il Sesia Val Grande è ora UNESCO Global Geoparks.

0
0
0
s2smodern
powered by social2s

CAI - Commissione scientifica, sezione di Varallo e di Milano

16-24-25 ottobre 2015
A Varallo, Milano e in Val Vogna: convegno dal titolo "I nomi delle montagne prima di cartografi! e alpinisti"
L’attribuzione sistematica di nomi alle vette più alte dei massicci montuosi iniziò con il loro censimento per fini cartografici e si affermò con la scoperta scientifica ed alpinistica della montagna, quando a cime, colli e
creste vennero generalmente assegnati i nomi dei primi esploratori. Un contributo alla conoscenza dei toponimi attribuiti alle cime delle montagne prima di cartografi e alpinisti è offerto dai documenti d’età tardo-medievale, redatti in un’età prossima a quella di fondazione degli insediamenti permanenti. In questo periodo il territorio alpino risulta caratterizzato da un’estrema ricchezza macro e microtoponomastica nella fascia degli insediamenti permanenti; questa ricchezza si riduce progressivamente nella fascia degli alpeggi per rarefarsi lungo le creste montuose.

0
0
0
s2smodern
powered by social2s

Un territorio da scoprire

un grande parco da visitare

Parco Nazionale
 
Supervulcano
Parco Nazionale Val Grande
info@parcovalgrande.it
  Ass. Sesia Valgrande Geopark
info@supervulcano.it

 

Salva

Copyright © 2014 Sesia Val Grande Geopark - Email This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. 

Responsive EU Cookie Notify